Il canale youtube di wiatutti!

mercoledì 19 gennaio 2022

L'audit

Ragazzi, c'è bisogno di audit. Ora sì. Per tentare di sterzarla in qualche maniera, per accedere senza scossoni alla prossima tappa della narrativa, si va verso l'audit. E noi apprezziamo l'impegno dei teatranti, sebbene - ripetiamo - non ci sia assolutamente bisogno di inventarsi chissà quali escamotage: il cervello di 60 milioni di persone è in pappa assoluta, per cui ci si potrebbe anche rilassare. E invece...


Vi riporto alla lettera circa 3 minuti di dialogo di una trasmissione TV da me non conosciuta, che coinvolge tre noti attori che da due anni si stanno duramente guadagnando la pagnotta Pfizer con presenza h24 sul tubo catodico, dei quali uno dichiaratamente massone ed altri due non dichiaratamente, conosciuti per le loro intransigenti posizioni no-vax. Si chiamano: Bassetti (B), Cecchi Paone (CP), Merlino (M). Partiamo. Tenetevi forte perchè questa è ganza ganza.

B (deciso, da uomo alpha, quasi scimmia): "Non è possibile che il malato che ha il tampone positivo venga catalogato come covid. Il malato che è positivo e che ha un altro problema sarà lì perchè ha un altro problema. E' così dobbiamo gestirlo".

M (il nulla cosmico): "Voglio dire un'altra cosa, una domanda che si chiedono tutti gli Italiani, vi posso garantire. Insomma, io quando parlo con le persone da una parte capiamo che per i vaccinati con omicron questa epidemia... questa pandemia è infinitamente meno pericolosa perchè onestamente io sono circondata da persone positive con pochissimi sintomi. Dall'altra però il numero dei morti continua ad essere alto. Ed è un dato allarmante che è molto italiano. Ieri erano 287. Continua ad essere troppo alto quel numero lì. Perchè?"

B (deciso, da uomo alpha, quasi scimmia): "Mah, intanto noi dobbiamo dire che abbiamo evidentemente sovraccaricato molto gli ospedali fino a oggi di malati nel mese di dicembre e anche nei primi quindici giorni di gennaio e abbiamo tante persone che purtroppo soffrono anche di polmonite da covid. Però poi c'è da dire una cosa: lei sa come avviene oggi il modulo con cui si reperta la morte di un paziente? Ci sono delle cause primarie e poi ci sono delle cause accessorie. Se in quel modulo il medico che lo compila scrive "positivo al tampone", automaticamente purtroppo viene classificato come un decesso avvenuto per il covid. Allora, questo è un altro argomento che dovrebbe essere affrontato, magari analizzando 1000, 100 cartelle in qualche modo e vedere quanti di quei decessi sono realmente legati alla polmonite da covid e quanti invece sono legati ad altre problematiche".

CP (che tenta penosamente di buttarla in calcio d'angolo): "Posso chiederti professore, tu parli di polmonite perchè è quella che porta alla morte, però tu sai che ci sono tante affezioni intermedie: la bronchite come la consideriamo, pericolosa o no... un terribile mal di gola che non ti permette di deglutire [sic!] la consideriamo pericolosa o no per gli altri... raffreddori con... magari non muori, però infetti gli altri".

B (spazientito da cotanta imbecillità): "Dobbiamo scindere i due mondi. Quella che è la possibilità di contagiare gli altri - che se hai il mal di gola evidentemente hai il virus e lo puoi contagiare - da quella che è la pericolosità per la vita".

M (interviene come piovuta da Marte): "Se ho capito bene... la riflessione che fa Bassetti è: se io muoio di infarto e sono anche positivo al covid, sono comunque morto di infarto e non dovrei essere contato fra i morti covid. Ho capito bene, è così?".

B (risoluto, di poche parole): "Esattamente. Esattamente".

CP (nel panico, terrorizzato): "Ci mettiamo in un guaio però, dobbiamo rivedere tutte le statistiche degli ultimi due anni se..."

B (dà la soluzione): "E' questo che dovremmo fare. Io credo che questo sarebbe da farsi. Guarda, noi usiamo un'espressione nel gergo medico, si chiama fare degli audit. Gli audit vuol dire analizzare per esempio 1000 cartelle cliniche prendendo un campione di tanti ospedali e andare a vedere realmente se il fenomeno covid è stato una causa determinante per la morte - si chiama mortalità attribuita - oppure se è una mortalità cruda".

M (come se avesse visto un ufo): "Siamo andati in Spagna. In Spagna hanno una vita molto più libera, i contagi sono tanti..."

CP (in sottofondo): "E' tutto aperto...".

M (convinta): "... e francamente i morti sono veramente... in questa settimana: 12 gennaio 83, 13 gennaio 64, 14 gennaio 22... Cioè, infinitamente meno dei nostri...".

B (logico): "Probabilmente hanno un modo di diverso anche di contare, di catalogare i decessi. Io credo che questo sia un qualche cosa che dovremmo fare anche noi".

CP (disperato, perchè se finisse la pandemia non beccherebbe più la gigantesca mole di quattrini arrivati in questi due anni): "Però dobbiamo anche stare attenti. Io ricordo quando mi sono occupato dell'inquinamento dell'acqua da atrazina [sic!], forse te lo ricorderai, che non è esattamente una cosa che fa bene bere, che per risolvere il problema hanno alzato i livelli di tolleranza dicendo che questa acqua si può bere. Capisci cosa voglio dire... non si può neanche troppo giocare con i numeri".


Capito, cari lettori wiatuttiani? Noi, che da due anni ci stiamo scervellando per tentare di capire, attaccati come terrapiattisti, citando per-reviù a nastro, inventando numeri e grafici, smadonnando per gente morta, lutti, vite totalmente disintegrate... e poi bastava fare un audit! Cioè, ma dirlo prima? Ragazzi, questa neo Scienza è veramente affascinante...

24 commenti:

  1. E invece,anche nel resto del mondo,la discriminante dei conteggi è solo relativa ai morti "with covid"
    In Spagna così come UK, Germania o Stati Uniti che siano

    Eppure nessuno si chiederebbe se un uomo è morto DI vaiolo o CON vaiolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. paragonare la covid19 al vaiolo e da decerebrati.
      semplicemente.

      Elimina
    2. Davvero? Concordo.
      Eppure è stato il cavallo di battaglia della campagna di vaccinazione il paragone tra vaccinazione per il vaiolo e vaccinazione per il covid.

      È stato tutto fatto ad uso e consumo di decerebrati. Bisogna adeguare il livello del confronto.

      Elimina
    3. ironico, allora.
      mettiamola così: noi non inoculati siamo e saeremo estremamente importanti per la validazione del laudato salvifcio siero in quanto siamo e saremo il campione di controllo sull'efficacia dei medesiomi sieri e sulle eventuali rteazioni avverse future.
      un po' come se fossimo stati iniettati di solo placebo.
      ;-)

      Elimina
    4. Vero.
      Ma sta andando proprio come durante il trial di Pfizer quando il gruppo di controllo è stato prontamente informato del placebo e invitato a vaccinarsi prima possibile.
      Loro almeno non sono ricorsi alle maniere forti. Si sono limitati a falsare i dati scomodi scaricando poi la colpa sui singoli lavoratori.

      Elimina
  2. un audit su un campione di cartelle dei morti con la covid per la verità lo avrebbero già fatto, ma siccome i risultati avuti non sono piaciuti, è stato messo nel dimenticatoio.
    per quanto riguarda la Spagna, non so, forse i medici di base currano (come facevano una volta e dovrebbero fare ancora) le persone a casa? con protocolli con medicine conosciute, prima che peggiorino e si ospedalizzino?
    poi la domanda delle domade la faccio io: ma tutti sti morti con covid che dicono loro dove sono morti, perchè in ospedale non mi pare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta guardare i rapporti ISS
      Confrontando TI e decessi si vede subito.
      Ultimo rapporto:
      2075 in TI
      3141 decessi

      Considerando che il tasso di sopravvivenza alla TI covid ,come indicato giorni fa da un noto medico, è superiore al 50% ,si può dedurre che circa 1000 siano morti in ospedale.(circa 1000 ospedali presenti in Italia)
      Gli altri 2100 sono morti altrove.

      Elimina
  3. Il CRITERIO era molto semplice:

    Qualunque malattia abbia un paziente, se risulta positivo al Covid va segnalato malato o morto di Covid.
    Questo è stato DETTO AI MEDICI e I MEDICI questo hanno fatto nelle cartelle cliniche.

    Se è vera questa cosa (a me risulta verissima), qualcuno più intelligente di me, mi sa dare una spiegazione LOGICA e SCIENTIFICA?
    A quali FINI può essere stata scelta questa strategia?
    E' corretta questa strategia?

    Ah, non mi basta come risposta: "il Covid ha aggravato la situazione e dunque il paziente è morto a causa del covid"
    No, non mi basta perché allora anche un raffreddore, un herpes, una martellata a un ginocchio possono aggravare la situazione e far morire un malato di tumore, ma non mi risulta che sulle cartelle cliniche di un morto di tumore all'ultimo stadio ci venga scritto "morto di martellata ad un ginocchio".

    Giusto per rifletterci su eh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vera e risponde a una logica emergenziale,era comprensibile venisse fatto in questo modo il conteggio fino a maggio 2020.

      Poi sarebbe stato da rivedere però.

      C'era tutto il tempo,ci sono stati mesi per trovare delle alternative a livello di protocolli.
      Dal 2020 veniva fatto notare quanto fosse assurdo questo metodo di calcolo,ricordo Zaia lo sottolineasse spesso che i morti che doveva inserire nel bollettino fossero morti trovati positivi al tampone,anche post mortem, e non necessariamente malati di covid.

      Solo non mostrava alcuna convenienza applicare nuove procedure nel 2020.

      Se ne parla di più in questo momento al solo scopo di non far traballare,ancora una volta,la campagna vaccinale.
      Se ORA cambio i parametri di riferimento aumento la percezione sull'efficacia del vaccino,che sta traballando.
      MA finisco per falsare ancora di più i dati precedenti e insinuare dubbi nella clientela e rischio di perdere credibilità e ledere ugualmente la campagna vaccinale

      Il cane che si morde la coda

      Credo lasceranno tutto così com'è fin quando sarà utile. Poi semplicemente verrà fuori un altro tipo di crisi/emergenza/attacco terroristico di cui parlare ,si distoglierá naturalmente l'attenzione senza fare alcuno sforzo ,e nessuno si ricorderà più nulla né si farà delle domande.
      Salvo i familiari delle vittime che ancora aspettano che qualcuno paghi. E guarda te, casi strani della vita,pare la responsabilità non sia attribuibile nello specifico al virus. Ma alla malagestione,scelte politiche insensate,cure inesistenti e pazienti abbandonati fino a metterli in pericolo di vita.
      Sono passati due anni e i pediatri non visitano i bambini se prima non vengono sottoposti a tampone.
      Nessun medico,ancora oggi,salvo poche eccezioni che nel frattempo vengono sospese e radiate,visitano i pazienti covid.

      Ecco perché altre nazioni hanno altri numeri.
      La Spagna utilizza immediatamente le terapie , c'è un uso massiccio di Desametasone
      Le motivazioni sono tante. Basta fare esattamente il contrario dell'Italia.

      Elimina
  4. La gestione del Covid in Italia è stata pessima! Siamo nelle mani della minoranza del paese! Il paese è stato indirizzato in scelte assurde dalla minoranza politica! Va finita questa storia!

    RispondiElimina
  5. Quixote cosa dire... Ancora concordo con te.. Mi sembra, tutto ovvio ma non riuscirai mai a convincere certi terrorizzati decerebrati... Io ho smesso quasi da subito..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella questa, “terrorizzati decerebrati”. Da mettere nella collection. Ma beati voi, quanto vi invidio, voi con tutti i vostri neuroni. A chi tutto e a chi niente.
      🆎

      Elimina
    2. AB che dire.
      Vedo gente vaccinata indietreggiare davanti a un essere umano senza mascherina sul volto. Vedo poi la stessa gente sedersi a un tavolo in un ristorante pieno senza preoccuparsi dell'assenza di mascherine in faccia ai commensali,ammucchiarsi nei locali.
      Vedo persone come te,parlare di questa vostra strana realtà salvifica,ignorando il resto del mondo,ignorando i dati del resto del mondo. Ignorando da mesi i paesi vicini. Ignorando che chi queste assurdità non le applica sta messo meglio di noi,non da un giorno . Vedo le altre economie proseguire mentre noi sprofondiamo.
      Vedo gente allo stadio che è passata dal non avere nemmeno una mascherina in faccia "perché il virus non si diffonde all'aperto" al correre a mettersi una ffp2 perché c'è stato un contrordine.
      Provo a giustificarli come terrorizzati,ma non posso fare a meno di ritenerli decerebrati. Gente che ha posato il libero arbitrio e il senso critico sul comodino insieme alla logica e ha deciso di lasciarsi guidare da quelli "studiati". Che purtroppo poi non sono davvero"studiati"ma sono corrotti,incompetenti, smidollati e animati da interessi personali.
      Per affidare la propria vita a gente come quella che ora è al governo tocca essere decerebrati. Capisco finché si limitavano i danni,ma ora coi poteri sconfinati regalati da questa guerra immaginaria tocca fare i conti con la merda montata in cattedra.
      A te sta bene che a decidere della tua vita sia gente come Sileri,Speranza, Draghi,Salvini,Di Maio,Renzi,Bianchi,Ronzulli, etc etc
      Io da questi soggetti non comprerei nemmeno un materasso.
      Non è questione di neuroni.
      A questo punto ti chiedo di indicarmi da quale mente eccelsa e onesta ti senti rappresentato in Parlamento o al Senato.
      Giusto per capire.

      Elimina
    3. https://mobile.twitter.com/disclosetv/status/1483785379140579329?s=19

      Irresponsabile dichiarazione di Boris Johnson alla house of commons , dalla prossima settimana ,stop all uso "compulsivo" del green pass e delle mascherelle.
      Quest uomo e' un folle, o come? Noi proprio a partire dalle prossime settimane, ci si da' da fare per arginare , coi dovuti e necessari ulteriori provvedimenti contenitivi , la diffusione dell morbo piu' ferale mai apparso sull orbe terracqueo e questo matto billera parla di ritorno alla normalita'?
      Cose da pazzi ,questi in pratica agiscono come se il covid fosse diventato una normale forma influenzale endemica, ma vi rendete conto?
      Ma questi son dei decerebrati , meno male che in itaglia c' abbiamo Marione Bobby e tanti bravi dottori come il nostro amato 🆎️, che devo dire onestamente ,e' tanta roba.
      Ps. oggi mi tocca andare a un funerale..., 50 anni infarto improvviso , che pare dice ( ma io non ci credo eehh) siano in forte aumento tra i vaccinati ( ma io un ci credo eehh) .
      Comunque...un dottore di quelli bravi m' ha detto che secondo lui ,l aumento delle problematiche cardiache dipende dall effetto placebo, pare che queste merdacce dei no vax coi loro discorsacci cattivi ,siano riusciti a suggestionare diversa gente vaccinata,sicche' sarebbe il caso di chetalli questi sudiciumi di no vax.
      Diffondono notizie false e tendenziose ,atte a creare panico nella gente suggestionabile.
      Qualcuno poi ( di quelli peggio tra i peggio) minaccia addirittura gente brava come Draghi e Speranza, tutte robe da codice penale.

      Elimina
    4. 1. L’erba del vicino è sempre più verde, ma se poi la vai a vedere caso per caso e non prendendo strumentalmente un pezzettino di qua e uno di là, scopri che il Bengodi non esiste, se non nei racconti dei benaltristi.
      2. Sulle mascherine da un punto di vista logico hai ragione, rimane il fatto che se le porti per 12 ore al giorno dimezzi il rischio di essere contagiato da qualsiasi patogeno per via aerea, per 6 lo riduci del 25% e così via. Quindi meglio un’ora che mai, considerato il momento. Ridurre il rischio ad oggi, con le regole attuali, vuol dire lavorare, mandare i figli a scuola, fare sport, guardarsi una partita. Ma se per te vuol dire essere decerebrati o terrorizzati va bene.
      3. Hai digitato una formazione da brividi, nel mio personale indice di gradimento, dopo mezzo secolo di vita, siamo in quarta serie. Ti ricordò però che buona parte degli elencati sono arrivati in parlamento, o al governo di rinterzo, grazie alle aggregazioni di intelliggentoni social che hanno portato per dire al 33% un’accolita di nullità e che se sull’altro piatto della bilancia dovessero trovare posto dei nuovi rappresentanti di congreghe di lamentatori alternativi, quelli che non propongono putroppo mai soluzioni praticabili, se non in universi paralleli (robe tipo torniamo alla lira, rimettiamo la scala mobile, ritorniamo al diciannovesimo secolo, cose così) e che sono bravi soltanto ad avere ragione il giorno dopo, sceglierò comunque i meno peggio nel bigoncio.
      Personalmente mi accontenterei di gente che abbia qualche idea e che sia in grado di cambiare strada in itinere quando se ne intravede una migliore. Non è molto, ma mi accontenterei.
      🆎

      Elimina
    5. Quindi nessuno?

      Elimina
    6. Io tra un paio di giorni andrò una settimana in Svezia in modo da vedere con i miei occhi,senza pezzettini presi qua e là,come stanno le cose veramente.
      Così vedrò l'erba del vicino

      La storia della mascherina e delle probabilità non ha molto senso a livello statistico. Ma forse anche gli esami di statistica li hai fatti mezzo secolo fa,come farmacologia

      La probabilità dell'evento X (contagio) nel momento in cui mi siedo a tavola con un positivo e ci passo la serata insieme se ne fotte se nel resto della giornata ho tenuto un pezzo di tnt in faccia mentre camminavo per strada da solo.
      Serve la logica e serve la coerenza.

      Poi continui a parlare di ridurre il rischio,ma allo stato dei fatti le regole attuali non riducono alcun rischio,non sono fatte per questo,solo per emarginare chi è diverso e attua una diversa scelta terapeutica

      A nessuno al governo frega un cazzo della salute dei cittadini,lo dimostra il fatto che lo smartworking invece di essere fortemente raccomandato nel privato e imposto in ambito pubblico venga negato e boicottato.
      La mancanza di fiducia evidentemente è reciproca.

      Un impiegato pubblico vaccinato over 50 in ufficio e poi al bar o in mensa in pausa pranzo sarà sempre più a rischio di un impiegato pubblico over 50 non vaccinato che lavora da remoto.

      E visto che il vaccino non evita morti e terapie intensive,forse sarebbe il caso di tutelare anche le persone vaccinate dai rischi inutili dati dal pranzo coi colleghi.
      Laddove possibile


      Una cosa giusta l'hai detta "mi accontenterei di gente che abbia qualche idea e che SIA IN GRADO DI CAMBIARE STRADA quando se ne intravede una migliore"
      Concordo.

      Un mio caro amico tra un po'avrà il pass di merda in scadenza perché si è vaccinato appena è stato possibile, è quanto di più lontano possa esserci da uno scettico.
      Ma vorrebbe aspettare il vaccino adattato per la nuova variante che Bourla ha annunciato sarà pronto a marzo invece di farsi la terza dose di questo. Però non può,grazie al supergreenpass c

      Elimina
    7. Guarda il fatto che non si debba mai cambiare strada in itinere lo si auspica solo nel fantastico mondo di piddinia( l'Europa fa cacare serve più Europa) dove si crede alla favoletta della linearità della storia. Nel mondo reale, per questo fatto, cioè per la ciclicità degli eventi storici(onda e risacca), potrebbe addirittura capitare che la Lira ritorni a noi. Per quanto concerne la scala mobile, che ti devo dire, dipende molto dai rapporti di forza tra classi sociali, diciamo che con i tassi inflattivi attuali intorno al 5/6/7% a qualcuno farebbe parecchio comodo che si rivalutare il salario. A noi rentier va benissimo così, quello che perdiamo lo recuperiamo piallando i salari dei dipendenti, nel breve può funzionare.

      Elimina
    8. Minchia, è confortante sapere che qualsiasi cosa io scriva venga passata al setaccio da un team di super esperti. Questo però non era una dimostrazione statistica, si trattava di buon senso applicato al quotidiano.
      Sullo smart working hai ragione, ma un mondo di gente che lavora in casa a singhiozzo, sulla base sei rischi epidemiologici, non è che si discosti tanto da quello alienante del lockdown. Tra i due, entrambi insopportabili, preferisco però contatti umani mascherinati piuttosto che assenti.
      Comunque la situazione è fluida, una soluzione dovrà essere trovata ed anche in tempi brevi. E poi tutti al gabbio!!!!
      🆎

      Elimina

    9. Parli per esperienza o parli del mondo che ti piace osservare?
      Perché sia nel pubblico che nel privato non conosco nessuno che sia stato felice di tornare a lavorare in presenza.
      Qui nessuno ha parlato di lockdown,solo di ottimizzazione del lavoro.

      "Sulla base dei rischi epidemiologici" stabiliti da chi? Hai un riferimento specifico o sono i tuoi rischi epidemiologici?
      Perché anche in questo caso il resto del mondo è allineato sul fatto che lo smartworking sia importante in un momento di forte crescita dei contagi.
      Migliaia di persone che lavorano da casa sono migliaia di persone in meno sui mezzi pubblici,che come saprai non sono stati adeguati,anzi. Settimana scorsa c'erano 600 (su 4000)autisti vaccinati col covid a casa solo di autolinee toscana,con conseguenti migliaia di corse soppresse. Migliaia di persone che pranzano in casa sono migliaia di persone in meno che pranzano con altre persone senza mascherina e si contagiano. Prima di natale la maggior parte dei contagi è avvenuta sul luogo di lavoro,durante le pause.
      O poi se vuoi c'è pure il lato ambientale,meno inquinamento ,meno macchine in circolazione,risparmio sul riscaldamento di enormi edifici che potrebbero restare vuoti per i prossimi tre mesi.

      Ennesima cazzata insomma

      Elimina
  6. Io propongo una bella Agora Democratica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insieme a quel fenomeno che si lanciò a fare un brindisino coi cinesi perché il vero virus secondo lui era il razzismo… mah… questi scikkosi sono fenomenali!!!

      Elimina
  7. C’è un giudice in Consiglio di Stato. Non si possono annullare delle raccomandazioni, si possono seguire o non seguire.
    🆎

    RispondiElimina
  8. In realtà mi pare un'ottima cosa. Il Ministro facendo ricorso con quella specifica (sono raccomandazioni non un protocollo da seguire per forza) se ne lava le mani. Allo stesso modo i medici che offrono delle cure alternative (che funzionano, con buona pace di chi pensa che senza il vaccino si finisce tutti in TI) ora possono usarle senza il timore di essere radiati dall'Ordine. Chi resta col cerino in mano - sempre per come la vedo io eh - sono quei medici che fino ad oggi rifilavano "tachipirina e attesa" proprio come scudo, fregandonese degli anni passati suoi libri..."ci hanno detto di fare così e io fo' così, cacchi vostri" (giuramento di Ippocrate, questo sconosciuto). Fossi parente di qualcuno deceduto per colpa di questa pratica che, pubblicazioni alla mano ("Paracetamolo nel trattamento domiciliare dei primi sintomi della COVID-19: un possibile nemico piuttosto che un amico per i pazienti anziani?" 21/06/2021 https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/jmv.27158 ) non ha senso, mi inizierei a guardare intorno...avvocati per denunciare se ne trovano diversi...

    RispondiElimina